Pet Education

La Pet Education è un'attività ludica di conoscenza ed avvicinamento al mondo degli animali, che viene svolta nelle scuole e che si basa sulla relazione con l'animale con l’obiettivo di migliorare le competenze sociali, cognitive ed emozionali dei bambini sfruttando le capacità innate degli animali per stimolare riflessione, apprendimento e comunicazione. Il grande potenziale della relazione coinvolge anche la comunicazione non verbale, la capacità di lavorare in gruppo e capire il concetto di "diverso" per incrementare il senso di empatia e di rispetto.

Gli obiettivi dell'attività sono essenzialmente due:

  • educare alla corretta relazione con l'animale;
  • educare attraverso la relazione con l'animale.

Grazie al forte coinvolgimento garantito dalla presenza degli animali, dalle attività e dai laboratori organizzati con essi, i ragazzi e i bambini possono arricchire diversi aspetti della propria personalità quali l'autostima, l'immaginario, la prosocialità, l'integrazione, l'affettività.

Attraverso l'interazione con l'animale, sia l'uomo che l'animale possono trarre svariati benefici: si tratta infatti di una relazione tra di essi, un dialogo caratterizzato da una donazione reciproca fra i due interlocutori, con effetti e contributi che vanno ben oltre le normali prestazioni derivanti dal semplice utilizzo dell'animale (quello che comunemente consideriamo l'animale da, e non invece l'animale con).

A chi è rivolto il progetto di Pet Education
I progetti sono rivolti a istituti scolastici, centri didattico-ricreativi, ludoteche, centri di soggiorno estivo o altri centri dedicati. Il programma è costruito ad hoc in base ai bisogni individuati dall'insegnante/educatore per il gruppo e per i singoli.

Soprattutto per i bambini piccoli, la Pet Education permette di imparare il modo corretto per approcciarsi con i cani in particolare, per evitare aggressioni e morsicature. Carezze e giochi, mangiare insieme, fare la nanna insieme, è il modo ideale per trasmettere ai piccoli la maniera corretta di toccare l’animale per evitare gesti bruschi, che possono spaventarlo o innervosirlo.

Gli obiettivi specifici
Un progetto di didattica con gli animali può avere diversi obiettivi:

  • informativi: realizzare attività che aiutano i bambini ad acquisire o modificare determinate conoscenze o comportamenti;
  • relazionali: offrire una prospettiva diversa di interazione con l'animale per evitare l'antropomorfizzazione (cioè l'attribuzione di comportamenti umani agli animali), la strumentalizzazione o la categorizzazione. Tali prospettive sono utili anche nel rapporto con persone comunemente catalogate come diverse: attraverso l'animale è possibile imparare a rispettare le diversità e a trarre il maggior beneficio possibile per entrambi grazie agli scambi reciproci;
  • disciplinari: diffondere conoscenze di base sulla diversità animale, sull'interazione uomo-animale e sul mondo animale in genere;
  • educativi: promuovere alcuni aspetti della formazione generale del bambino (per esempio, favorire i processi di integrazione e la collaboratività nel gruppo, aumentare l'immaginazione, rafforzare l'autostima, stimolare l'area della cura di un altro essere vivente);
  • didattici: migliorare la partecipazione del bambino alla vita scolastica e le dinamiche di lavoro collaborative o di gruppo (migliorare attenzione e concentrazione, creare un centro d'interesse, favorire l'interdisciplinarietà, rapportare realtà scolastica e domestica).